Zucca Gialla

13.11.2018

Anche se Halloween è passato, la zucca resta un caratteristico ortaggio di stagione di questo periodo! Poche e semplici indicazioni per una buona assunzione.

Cucurbita maxima o meglio conosciuta come  zucca gialla, è un frutto polposo dalle svariate proprietà.

Spesso screditata nelle diete ipocaloriche per la sua ricchezza di zuccheri e sottovalutata per le sue proprietà e principi attivi. 

100g di parte edibile contengono 94,6 g di acqua, 1,1 g di proteine, 0,1 g di grassi e 3,5 g di carboidrati. 

Vantaggi


Seppur spesso molti diffidano dal mangiarla, la zucca può essere messa a pieno titolo tra le categorie delle verdure e degli ortaggi.

E' buona, facile da preparare e soprattutto versatile.

Infatti con quest'ortaggio si posso preparare, non solo piatti salati, ma anche pietanze dolci conferendo al dessert meno calorie e rendendolo naturalmente più dolce senza l'aggiunta di zuccheri semplici. 

La zucca, oltre ad essere molto rinfrescante, contiene un gran quantitativo di betacarotene, ottimo alleato contro i danni da stress ossidativo e soprattutto utile per proteggersi dai raggi UV durante le esposizioni solari.                Inoltre è molto digeribile e per questa qualità viene consigliata nei casi di dispepsia. 

La sua azione leggermente lassativa, aiuta nei casi di stitichezza.

RICCA IN MICROELEMENTI

  • Potassio
  • Magnesio
  • Calcio
  • Bromo

In particolare il bromo e il magnesio aiutano nei casi d'insonnia.


Svantaggi effettivi e presunti


Uno svantaggio della zucca, spesso sottolineato, è quello di aver un alto indice glicemico; senza però tener in considerazione il valore più importante che è il carico glicemico, che valuta (in poche parole) non solo la velocità con cui entrano gli zuccheri nel circolo sanguigno, ma anche la porzione media che si assume. Per spiegare meglio il concetto, la quantità di carboidrati assunti mangiando una porzione media di zucca (150/250g) non potrà essere equiparata ad una porzione media di riso (80/100g) contenente lo stesso indice glicemico. 

Quindi, considerando che gli spianaci hanno 2.9 g di carboidrati per 100g di prodotto, gli spinaci non si discostano poi, di molto dal contenuto di glucidi della zucca. 

Tuttavia la ricchezza di vitamina A e di Betacarotene tende a causare un notevole lavoro da parte del fegato, quindi nei casi in cui esso non funzioni al meglio spesso la sua assunzione tende ad essere sconsigliata.



Utile nei casi di:

  • Prevenzione di tumori
  • Prevenzione della cataratta
  • Potenziamento sistema immunitario
  • Dispepsia
  • Stitichezza
  • Insonnia

Contoindicata nei casi di:

  • Colon irritabile
  • Epatopatie

In definitiva, la zucca arreca numerosi benefici, alto potere saziante, ottima palatabilità etc. quindi non privatevi di mangiarla. Ricordatevi di variare sempre gli alimenti, soprattutto gli ortaggi, in modo tale da assumere tutti i microelementi, ma soprattutto cercate di seguire la stagionalità!